Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per gestire alcune funzioni essenziali, per tracciare gli accessi e per migliorare l'esperienza utente. Clicca per accettare i cookies.

    Consulta la Cookie Policy

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per gestire alcune funzioni essenziali, per tracciare gli accessi e per migliorare l'esperienza utente. Clicca per accettare i cookies.

    Consulta la Cookie Policy

Asja Foligno

Impianto di biometano

Committente
Asja Ambiente Italia S.p.a.

Località
Località Casone, Comune di Foligno(PU)

Gruppo progettazione
capogruppo mandatario arch. Michela Lagard
Arch. Sebastiano Leotta, Arch. Andrea Tomasi
Pietro Ferrero, Viola Koci


L'impianto realizzato per Asja Ambiente Italia ha integrato allo stabilimento preesistente avanzate tecnologie che permettono di produrre compost e biometano a partire da scarti organici. Questo impianto innovativo ha quindi dovuto tenere in considerazione non solo l'assetto originario ma anche le nuove caratteristiche introdotte all'impianto.

L'obiettivo del progetto è quello di armonizzare il più possibile l'opera con il contesto rurale circostante, mantenendo comunque un linguaggio riconoscibile e riutilizzabile in altri impianti.

Dal punto di vista paesaggistico e del verde, le aree esterne del lotto sono state trattate con materiali discontinui come pietrisco e pacciame intervallato ad alberature a medio fusto; una sponda verde rialzata e piantumata con alberi ad alto-medio fusto, arbusti e piante tappezzanti, perimetra l'intero complesso andando ad attenuare in questo modo l'altezza percepita del nuovo impianto e ad incrementare la biodiversità del sito.

L'intero complesso è caretterizzato dall'utilizzo di rivestimenti di facciata in pannelli prefabbricati in CLS, di colore mogano, in cui sono stati inseriti inerti a contrasto. Il fabbricato degli uffici amministrativi è reso evidente attraverso l'apposizione di lamelle tipo brise-soleil in legno ricomposto che, creando una scansione e movimentazione del prospetto, vanno ad individuarne gli accessi principali.

Dal punto di vista distributivo questo volume si organizza in due porzioni, una di rappresentanza aperta al pubblico e l'altra operativa, riservata al personale, dalla quale si accede direttamente all'impianto. Queste sono organizzate in maniera tale che i due flussi che si generano non si sovrappongono, garantendo una necessaria gerarchizzazione degli spazi.

Il locale pesa, posto in prossimità dell'accesso, oltre ad assolvere alle funzioni richieste, integra tutti gli elementi caratterizzanti il progetto degli uffici, andando ad armonizzare e caratterizzare ulteriormente l'accesso all'impianto.