Message
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View Privacy Policy

Message
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View Privacy Policy

There are no translations available.

TEATRO CARIGNANO

Progetto di recupero architettonico ed impiantistico del Teatro Carignano di Torino

Committente
Fondazione Teatro Stabile

Località
Torino

Gruppo progettazione

Prof. Arch. P. Marconi, Arch. G. Battista, Arch. L. Dionigio, Arch. Michela Lageard (Base engineering Srl), Ing. G.Gonnet, Migliore Stass studio associato, Itaca Spa, D.ssa G. DeMonte, Ing. M. Bertagnoli


Svolgimento servizio
2004 - 2009

Importo lavori
€ 9.600.471,06


Il Progetto riguarda il recupero architettonico ed impiantistico del Teatro Carignano: quindi non solo il delicatissimo aspetto della tutela della sala nella sua decorazione originaria, ma anche la riorganizzazione e rifunzionalizzazione degli spazi per il pubblico e della macchina scenica. La facciata su piazza Carignano ha perso la bussola lignea anni ’30 per ritrovare l’originario aspetto compositivo voluto da Benedetto Alfieri con la serliana in asse alla dimora del Principe di Carignano. Il forte legame con la storia di corte è stato poi ripreso dalle stelle ( su disegno di quelle guariniane nel cortile di Palazzo Carignano) riproposte nei nuovi vani scala, nei cortili e nei broccati purpurei delle nuove tappezzerie.

Michela Lageard si è occupata della Progettazione Definitiva ed Esecutiva dell’area di restauro, degli arredi e delle tecnologie. In particolare ha curato la riorganizzazione della torre scenica con la consulenza dell’ Ing. Cova, già Direttore tecnico del Teatro Regio, con l’Arch. Cantele, Direttore degli allestimenti del Teatro Stabile di Torino e  del Maestro Rubertelli, scenografo del San Carlo di Napoli. Ha svolto il ruolo di direttore operativo degli arredi e delle tecnologie.

Foto © Tommaso Le Pera e © Giorgio Sottile gentilmente concesse dal Teatro Stabile Torino